sabato 30 agosto 2014

La maledizione del letto assassino

Qui in casa Chioma di Berenice quando andiamo in vacanza scegliamo rigorosamente bed and breakfast e agriturismo. Ci piace stare nella natura e soggiornare in posti tranquilli e curati con giardini, orti e animali, gustare colazioni fatte in casa, scambiare quattro chiacchiere con i nostri ospiti.

Fin dalla nostra prima vacanza insieme in Normandia, per continuare con la Bretagna, la Toscana, le Langhe, la Liguria, abbiamo scovato (o siamo capitati per caso) in una serie di bed and breakfast molto carini e accoglienti e ricordiamo con piacere i proprietari, i cani, i gatti e i giardini.

C'è però un nemico che non riusciamo a sconfiggere, neanche ora che lo conosciamo e lo combattiamo con strategie mirate: il letto assassino.
Quante nottate rovinate da reti cedevoli e materassi molli spaccaschiena, pronti a diventare infidi come sabbie mobili, ad affondarti impedendoti ogni movimento e un riposo sereno!
Anche le camere shabby-chic curate in ogni dettaglio, quelle che appena le vedi dici "è mia, sembra uscita da una rivista" spesso riservano la sorpresa del salto nel fosso. 
Ricordo il pernottamento in un mulino ristrutturato in Normandia, un posto da favola a due passi dal giardino di Monet a Giverny, con un materasso infido e sfuggente e un assurdo cuscino a cilindro da cui la testa cadeva in continuazione, e quel letto a baldacchino in Piemonte, durante un weekend regalatoci dagli amici, in cui desideravo avere un sonnifero per poter prendere sonno.

La mattina a colazione ci si guarda in faccia: occhiaie, viso sfatto, spalle incartate. Ci risiamo.

Il caso più eclatante è stato la scorsa estate in Bretagna: sdraiandoci entrambi le reti si inclinavano e ci catapultavano nel centro, in un unico fosso da cui non c'era via d'uscita. La sottoscritta, in preda a una memorabile crisi di rabbia, decise di  dormire in macchina, salvo poi desistere alle 4 del mattino vittima dell'umidità e del freddo della campagna.

Se il bed and breakfast è scelto on the road senza prenotazione ci si accontenta, l'importante è avere un tetto sopra la testa, ma se è una vacanza pianificata il fatto di non riposare è parecchio fastidioso. Nel corso del tempo abbiamo messo a punto una procedura contro la sindrome da letto assassino: visita accurata dei siti internet scartando tutte quelle camere che sanno di vecchio, di poco curato, di letto della nonna recuperato alla meno peggio, controllo delle recensioni su Tripadvisor (chi ha dormito male non manca di rimarcarlo!).
Ma, come capitava alla Principessa sul Pisello, la maledizione ci accompagna: la scorsa settimana su 4 notti di vacanza in due posti carini e accuratamente scelti, 4 notti di sonno gramo, con un letto a dorso d'asino (tanto caruccio e vintage a vedersi) le prime due notti e il regno dell'umidità con letto affossato poi.

Ci tengo a dire che non siamo persone snob con pretese esagerate, entrambi veniamo da un passato di camping, ostelli, notti in autobus in giro per l'Europa. Certo, gli anni passano e le esigenze cambiano, però non mi pare di pretendere tanto a chiedere un materasso mediamente efficiente appoggiato sulle doghe Ikea.
Non vogliamo ridurci ad andare al villaggio turistico o all'hotel 4 stelle per riposare.

Help! Avete un consiglio per noi?


4 commenti:

  1. ciao, sono pienamente d'accordo. Ho lo stesso problema e non sono particolarmente esigente. Faccio anch'io vacanze in B&B e agriturismi e nonostante sia sempre stata fortunata nella scelta, il letto quasi sempre era deleterio. Quindi ho iniziato a consigliare nelle valutazioni della location di cambiare il letto per un maggior comfort e per evitare il mal di schiena per tutto il giorno ai clienti.Spero che abbia effetto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Monica, allora non sono l'unica! iniziavo a pensare di trovare io tutti i materassi peggiori! nell'ultimo b&b anche io ho segnalato che avrei voluto un letto più comodo. Chissà, se ci mettiamo tutti insieme magari qualcosa migliorerà! :-)

      Elimina
  2. io ho la fortuna di dormire come un sasso quasi ovunque...
    però chi è con me spesso no... e mi si rovinano lo stesso le vacanze per colpa dei materassi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti invidio un po', Federica! Io posso dormire anche se c'è luce o rumore, però il materasso affossato mi uccide!

      Elimina